JAIPUR&PUSHKAR + Camel Fair Festival…

JAIPUR

Altro weekend e altro giro.Questa volta tocca a Jaipur e poi Pushkar per la Camel Fair Festival…si va quindi per la prima volta in Rajastan e si parte dalla capitale:Jaipur. Si parte col treno nuovamente ma questa volta siamo solo io e Fabio…alla stazione si fa subito conoscenza con un coraggioso viaggiatore argentino, Manuel, che sta visitando il nord dell’India in solitaria. Purtroppo lo perdiamo di vista dato che lui ha prenotato la sleeper class e noi siamo in seconda classe AC e data la folla di gente non riusciamo più a ritrovarci! Durante il confortevole viaggio in treno, si studia la mitica Lonely Planet che si rivelerà preziosissima e con consigli super azzeccati. Infatti l’hotel suggerito dalla guida è davvero bello; pulito, decorato e con un magnifico e buonissimo ristorante sul tetto con vista della città. Primo giorno si va subito alla stazione dei bus per prenotare il bus che ci porterà a pushkar la domenica mattina: la stazione dei bus è come al solito incasinata e dopo aver chiesto 4-5 volte al personale riusciamo finalmente a prenotare il bus per Pushkar. Il pomeriggio è dedicato alla visita della città vecchia. L’impatto con la città sembra molto simile a Delhi, con molto caos, traffico e polvere. La città vecchia è comunque molto interessante con le caratteristiche mura colore rosa-salmone(Jaipur=”città rosa) con al loro interno palazzi(il palazzo dei venti è bellissimo!)e tantissimi coloratissimi piccoli negozi tutti della stessa dimensione con i mercanti all’interno che assalgono i turisti per fare qualche affare. Molta gente locale parla anche l’italiano discretamente e quindi ci si ferma spesso a chiaccherare o a comprare qualcosina. Per il tramonto si visita il Monkey Palace che isolato su una collinetta ci regala una bella vista sulla città. La sera si gusta una buona cena di cibo indiano(Thali e Dal) sul tetto. Per il giorno dopo troviamo un giovane driver di autorisciò musulmano di nome Rincu che ci accompagnerà tipo taxi per tutta la giornata. E’ molto comodo e parla anche un buon inglese (cosa non molto diffusa tra i risciottari…) Prima si visita il regale City Palace(la residenza reale), poi la Jantar Mantar(osservatorio astronomico) molto simile a quello di Delhi e tenuto sicuramente meglio, ma meno divertente perchè la polizia è + severa e non ci permette di salire sopra le strane strutture. Dopodichè ci spostiamo prima per una breve sosta al Water Palace e poi verso il primo e più famoso forte che dominano la città: l’Amber Fort. E’ un palazzo-fortezza imponente e all’entrata guarda chi c’è: Manuel, l’argentino! visitiamo così con lui questo forte che è molto bello e dentro sembra un labirinto pieno di stanze e senza nessuna indicazione. Ci perdiamo così tra di noi decine di volte, ma poi ci ritroviamo senza sapere come da qualche altra parte. Dopo tocca al secondo forte, famoso in quanto ospita il cannone su ruote più grande al mondo! Purtroppo non si possono fare fotografie, ma comunque riesco a farne un paio di nascosto ma il poliziotto di guardia insospettito mi prende di mira e mi controlla poi in ogni movimento…oltre al cannone questo forte me lo ricorderò per l’elevato numero di scimmie bianche…sono tantissime e ad un certo punto non si pu proseguire sul sentiero perchè ce ne sono troppe tutte li intorno…una piccolina mi attacca pure saltandomi addosso da dietro attratta dallo zaino…ci giriamo indietro e si cambia strada! Ultimo forte della giornata è il Tiger Fort(…non si sa bene perchè si chiami così…), consigliato dalla Lonely da visitare al tramonto per godere la + bella vista su Jaipur…e così facciamo. Dalle mura delle forte il panorama è sensazionale…Jaipur è immensa, si estende a sinistra, a destra e davanti ai nostri occhi…la vista delle case si interrompe solo da una fitta nuvola causata probabilmente dallo smog e dall’inquinamento della città. Da qui si riesce a vedere anche abbastanza bene l’incendio che ha colpito un’industria di carburante causando decine di morti e che sta bruciando da giorni. Quando il sole cala e il cielo diventa rossastro è uno spettacolo e ci si gode una birra fresca dal ristorante del forte con veduta città in compagnia del nostro risciottaro Rincu e di Theryn, uno studente americano in India anche lui in viaggio in solitaria. La sera cena al nostro ristorante in compagnia dell’argentino e in teoria anche dell’americano (che però brucia la cena internazionale per problemi personali). Dopo cena si saluta tutti e poi a nanna presto…il bus mattutino per Pushkar ci attende…

PUSHKAR

…il bus da Jaipur ferma a Ajmer, una città a 10 Km da Pushkar e cos’ dobbiamo prendere un altro bus per raggiungere la città della Camel Fair! Si opta per i bus locali che sono frequenti e nel mezzo del casino troviamo fortunatamente da sedere sul pullmann…eh si qua tutti urlano e l’autista invita tutti i passanti a salire nonostante il bus sia già veramente pieno. Si fa conoscenza anche con una coppia di tedeschi molto simpatici ed increduli come noi di quello che accade su questo bus! L’hotel in Pushkar non è certo il massimo, le stanze sono ridotte all’essenziale e meno e tendezialmente sono molto sporche.(e l’abbiamo pagato di più di quello a Jaipur!!!). Ordiniamo anche la colazione al bar dell’hotel ma dopo una lunga attesa (solitamente i tempi sono molto lunghi ovunque) ma questa volta esagerano, per dei toast con burro e marmellata e del te aspettiamo più di mezzora…e così ci alziamo dal bar prima che arrivino e cambiamo posto!…Per visitare la città che è molto piccola(14000 persone che diventano più di 200000 durante la Camel Fair) noleggiamo due biciclette. Pessima idea!…dopo un primo tratto scorrevole ci troviamo imbottigliati nel traffico di persone per le strette vie della città (tipo S.Faustino a BS…ma molto peggio dato anche l’odore e il caldo per le strade) e così facciamo marcia indietro e riconsegnamo le bici al negozio. Ci si addentra così a piedi come tutti ed è un gran casino: la gente è ovunque, le strade sono strette, piene di tende mercatini e quello per più si rimane colpiti sono i colori. Soprattutto delle donne con i loro sari di tonalità accese…li indossano dalle bambine alle signore anziane e spesso vanno in giro in gruppo cosicchè ti ritrovi spesso in mezzo al rosso,arancio,giallo,verde e azzurro dei loro vestiti…considerando poi il deserto appena fuori della città e la polvere che è presente in giro il contrasto che si crea è molto bello. Dopo la ressa, gli ingorghi di gente e gli spintoni per le strade si arriva all’inizio della camel fair che si estende appena fuori la città nel semi-deserto(sabbia e alcuni arbusti). Cammelli, cavalli e persone dappertutto, mercatini che vendono roba per il bestiame e attrezzi del mestiere, giostre, e tanta gente che ti ferma e cerca di venderti o incassare qualche rupia. Ci sono anche vari spettacoli folcloristici in una specie di stadio ovale dove persone e animali si esibiscono. Insomma anche qua un gran bel casino. Il caldo e la folla sono strazianti e così dopo una sosta rigenerante in un bar li vicino…quando il sole inizia a calare ci si dirige nuovamente verso il deserto. Voglio ottenere la classica foto stereotipata del cammello al tramonto nel deserto. E così quando il cielo si arrossisce mi ritrovo nel deserto con dietro di me tanti fotografi professionali con enormi macchine fotografiche. Mi affianco a loro con la mia piccola fotocamera digitale e riesco a ottenere così le foto che volevo!!(vedi relativo album). La giornata è pesante e per cena ci spostiamo in un vicino ristorante “Little Italy” dove mangiamo una buona pizza con forno a legna. La mattina seguente la dedichiamo ad un giro turistico per la città. Pushkar è una città santa caratterizzata da un lago sacro(che in realtà è prosciugato quasi del tutto a causa della siccità) e da innumerevoli templi bianchi e ghat(le scalinate che percorrono i fedeli per arrivare nel “lago”). E’ quindi pieno di santoni, guru e pellegrini che arrivano qui in questo periodo sacro per le loro preghiere. Percorriamo così una camminata spirituale sulle sponde del “lago” e vediamo così i devoti nelle loro preghiere, gli odori di incenso e altro e anche qua tante mucche(alcune hanno 5 zampe…con una specie di zampa che esce dalla schiena dell’animale…fa davvero impressione!). Ora è tempo di lasciare Pushkar…prendiamo un taxi in compagnia di una giovane coppia di americani simpaticissimi che devono raggiungere anche loro la stazione dei treni di Ajmer. Viaggio ancora confortevole in treno in seconda classe…anche se non riesco molto a dormire per colpa di 4 vivaci bambini indiani tra cui, il più grande di 10 anni, parla molto bene l’inglese e così anche se non ho dormito molto…è stato molto piacevole chiaccherare a lungo con un bambino indiano.

 

JAIPUR&PUSHKAR + Camel Fair Festival…ultima modifica: 2009-11-07T12:47:00+01:00da raz85
Reposta per primo quest’articolo

Commenti (3)

  1. Merig

    sono arrivato anche io sul tuo blog…con calma come sempre…pian piano leggerò anche gli arretrati…intanto salutami fabio!have a nice day!!

  2. Chube

    Vecchio quanto è bello il Water Palace!!!!
    Da guadare tipo isola dei conigli…^^

  3. raz85

    Eh si zio, bello bello…ma a guadare era lunghetta e le condizioni dell’acqua erano leggermente diverse da quelle di Manerba…

Lascia un commento