LAS FALLAS…non una festa qualunque!!!

…da quando sono arrivato qui a Valencia parlando con la gente del posto, e non solo, e dicendo che stavo qua fino ad aprile, tutti mi dicevano…ah bene allora sei qui per Las Fallas, riesci a vedere Las Fallas ecc ecc… insomma tutti me lo raccontavano come l’evento dell’anno qui a Valencia. Ora che le ho vissute di persona posso capire e posso pienamente confermare cotanta attenzione e attesa.

Innanzitutto ho caP1100997.JPGpito adesso perché l’ultimo dell’anno è stato cosi, permettetemi il termine, “malcagato” (qualche fuoco d’artificio alla mezzanotte e niente di che per la città)…ora ho capito che l’anno qui a Valencia ufficiosamente si divide in pre-Fallas e post-Fallas. I preparativi di questa festa per i valenciani durano tutto l’anno ed infatti già a gennaio si iniziava a parlare dei preparativi sempre più spesso, soprattutto per tutte le ragazze (dalle signore alle bambine) che dovranno poi fare “las falleras” con il loro classico abito e capigliatura della festa.

Las fallas iniziano ufficialmente il 1 marzo e finisco il 19 dello stesso mese, ma la settimana più intensa e ricca di eventi è l’ultima dal 15 al 19!…questa settimana è incredibile, letteralmente pazzesca: la città si blocca completamente, la gente si raddoppia, triplica, riempiendosi di turisti da tutte le parti del mondo. Infatti molti valenciani mi rivelano che, dopo averle vissute un paio di volte, odiano las fallas perché per una settimana per loro diventa impossibile girare con la macchina perché in ogni parte della città vengono chiuse le strade, le persone del centro non dormono più e quindi molte persone locali preferiscono scappare e andare in vacanza in questo periodo. Per il turista ovviamente tutto l’opposto, vuole vivere las fallas al 100% e quindi il fatto di stare in giro tutto il giorno, dormire poco e fare festa giorno e notte assistendo agli eventi organizzati diventa obbligatorio!!!

Quello che personalmente più mi ha colpito è in generale l’atmosfera di festa che si respira per la città, la quantità di gente che partecipa attivamente a tutto e soprattutto l’incredibile “scoppiettio” o meglio “esplosioni” di petardi e botti durante tutto il giorno (ma perché gli spagnoli vanno così pazzi per i botti???). A qualsiasi ora del giorno e in qualsiasi zona della città si posso sentire petardi che scoppiano lanciati specialmente da ragazzini e bambini spesso incomprensibilmente invogliati dai genitori. In questa festa mi spiegano che praticamente tutto quello che solitamente è proibito durante l’anno, durante questa settimana “tutto” è possibile e lecito e così se ne possono vedere, e sentire, di tutti i colori per la città.

Il nome “fallas” deriva dalle sculture che vengono create per ogni barrio (quartiere) della città, in totale quasi 400!!! Praticamente scultori e artisti locali durante tutto l’anno costruiscono questi “monumenti” di legno, cartapesta (ora con materiali più chimici, tipo poliespanso ecc) che vengono posizionati per le strade durante l’ultima settimana per essere mostrati ai turisti e alle varie commissioni, in quanto partecipano ad un concorso (stile carro di carnevale) dove viene eletto un vincitore e altri vari riconoscimenti per le varie categorie (il processo che ci sta sotto è molto più complicato e comunque da quanto ho capito il tutto è molto sentito per ogni quartiere della città che può dare prestigio, orgoglio e dinero al quartiere) e che poi l’ultima sera del 19 marzo, per vanificare tutti gli sforzi, vengono bruciate sotto la vigilanza dei pompieri o meglio “bomberos” che controllano le altissime fiamme e il calore che viene sprigionato durante la cremà che è appunto il rogo finale di tutte queste sculture!…poi basta cantare in mezzo alla folla “bomberos maricones,bomberos maricones…che dal calore che ti era venuto addosso ti ritrovi bello bagnato dai loro getti d’acqua!!!

Venendo agli eventi ufficiali quello che più mi ha colpito e che da inizio alla giornata è la mascletà. Ogni giorno dal 1 al 19 marzo alle 14 in punto migliaia di persone si danno appuntamento nella piazza centrale della città (Plaza de l’Ayuntamento) dove per 5 minuti ogni ditta pirotecnica incaricata dal comune fa esplodere dei botti davvero assordanti che fanno vibrare e tremare tutto…difficile da descrivere ma è davvero incredibile, sembra di essere al centro di un bombardamento di una guerra!!!…il concetto è abbastanza stupido, perché per raggiungere la piazza bisogna partire almeno un’ora prima, fare coda sul metro o su qlsiasi mezzo pubblico, aspettare un’ora in piedi (stile concerto), sopportare calore (quando c’era il bel sole si arrivava a 28 gradi di giorno!) e un’immensa folla accalcata, infatti c’è una vera lotta tra le persone per arrivare il prima possibile e assicurarsi un posto vicino alle barriere per essere ancora più partecipe ai botti, dove più rumore e casino si percepisce e più bello e avvolgente è!!!

…dopo 5 minuti tutto finisce…e via…la gente si dilegua tra le strade e le piazze…si va a mangiare, si comincia a bere…il tutto per le strade tra artisti di strada che improvvisano musica, chioschi di churro e chocolate (una bontà!!!) e vari stand per vicini ad ogni fallas sfornano cibo e varie bibite!!!

Ogni giorno poi nell’ultima settimana anche per la sera il programma è ricco e tra varie cose (mercatini, corride, sfilate ecc) spiccano i fuochi d’artificio…quelli veri…non solo botti!…Specialmente da ricordare è la sera del 18 (chiamata “la nit del foc”)…è la serata dei fuochi d’artificio più attesi lanciati dal Rio Turia…mezz’ora di spettacolo puro…mai visto una roba del genere!!! Finiti i fuochi gli ultimi giorni per chi vuol far festa fino in fondo ci sono le verbene; cioè in ogni barrio si montano concerti di vari gruppi per le strade tra i vari stand e si tira avanti a far festa fino a mattina, sempre con “sottofondo” di petardi e botti vari (alcuni pericolosi visto che vengono lanciati senza troppi problemi in mezzo alla gente, soprattutto di notte quando la gradazione alcolica in generale è abbastanza elevata!!!

Insomma Las Fallas, una festa a cui bisogna almeno una volta partecipare…una città che per una sette giorni viene trasformata…una settimana incredibile da vivere intensamente!!!

…per chi vuole approfondire…http://it.wikipedia.org/wiki/Fallas o altrimenti per i più audaci una versione in spagnolo molto più dettagliata…http://es.wikipedia.org/wiki/Fallas_de_Valencia

 

LAS FALLAS…non una festa qualunque!!!ultima modifica: 2011-03-28T19:56:00+02:00da raz85
Reposta per primo quest’articolo

Commento (1)

  1. Piazze di Valencia

    Quanto vorrei essere a Valencia in questo momento…

Lascia un commento