Autore archivio: raz85

GIORDANIA, un gran viaggio on the road alla scoperta di Petra e di molto altro!

Giordania non vuol dire solo Petra, Petra non vuol dire solo “il Tesoro” o “Al Khazneh”, c’è molto di più che davvero merita di essere scoperto ed esplorato fino in fondo. Un viaggio in questo paese regala tantissime emozioni. Emozioni di stupore, avventura e ovviamente meraviglia.

Dal Mar Rosso alla bellezza e purezza delle dune rosse e delle levigate rocce del Deserto del Wadi Rum. Si passa poi alle spiagge ed alle acque salatissime del Mar Morto, si risale repentinamente dai -400m ai circa +1000m e si ritorna sopra il livello del mare superando sorgente termali tra cascate e pozze naturali con temperature dell’acqua di 50° e poi tra le voragini di queste gigantesche montagne si creano suggestivi canyon tutti da percorrere e scoprire. Poi concludere la visita in antiche città romane perfettamente conservate e dai mosaici brillanti. Questo solo per dare un assaggio e qualche frammento di viaggio per capire cosa vuol dire viaggiare in Giordania senza ovviamente citare lei…la Meraviglia…l’antica città di Petra.

All’inizio ho detto “emozioni” e cosi la mente ritorna in viaggio subito ripercorrendo i tanti km fatti guidando lungo le strade giordane a bordo di una (tamarrissima) Mitsubishi Lancer con alettone posteriore e soprattutto rivivendo momenti ed istanti molto intensi che rimarranno impressi davvero a lungo.

La curiosità e lo stupore nel percorrere il Siq che con le sue rocce ondulate disegna un percorso magico facendoti sentire un avventuroso Indiana Jones prima di meravigliarsi alla prima veduta del Tesoro che sbuca tra le prime luci del sole che filtrano tra queste pareti, la fatica arrampicandosi lungo tantissimi gradini scavati nella montagna e la gioia poi nell’ammirare il tempio dall’alto da diverse prospettive ( e probabilmente questo non è neanche il più bello tra tutte le rovine dell’immensa città di Petra…la Tomba della Seta, il Monastero e tanti altri anche senza nome, ma che ti lasciano a bocca aperta), e poi ancora la particolarità e l’atmosfera di percorrere la stessa strada di notte, con una luna piena a tratti quasi abbagliante e le candeline flebili ad illuminare la via…c’è poi l’emozione ed il divertimento nel galleggiare nel Mar Morto e di togliersi lo sfizio di “fare il morto” nel mar Morto appunto…sentirsi un imperatore al cospetto di tanti templi e percorrere strade colonnate rituffandosi nell’ epoca romana facendo risuonare la propria voce e qualche applauso in platea di uno dei bellissimi teatri mantenuti ancora in uno stato di conservazione pazzesca….chiudere gli occhi e riaprirli immaginandosi nuovamente davanti all’ immensità e alla particolarità del deserto del Wadi Rum, una bellezza sorprendente da vivere dall’alba al tramonto. La mente scorre poi e svaria nel territorio giordano rivivendo una divertente ed autentica cooking experience con donne locali di un villaggio sperduto e poi ricorda sapori e tentazioni dello street food giordano…un po’ di tutto ma soprattutto hummus a colazione, hummus a pranzo ed indovina cosa c’è a cena?!

Nelle prossime pagine racconterò nel dettaglio l’itinerario di questo bellissimo viaggio alla scoperta di questo paese, nel frattempo la chiusura di questa introduzione spetta alla frase tipica che ogni persona locale ti rivolge appena ti vede ed in risposta a qualsiasi domanda….”Welcome to Jordan!!”

Fermati ogni tanto. Fermati e lasciati prendere dal sentimento di meraviglia davanti al mondo. (Tiziano Terzani)

IMG-20181225-WA0036 (1)

LADAKH, alla scoperta del piccolo Tibet!

Sette anni in TIBET?? No dai un po’ troppi….però 15gg nel Tibet indiano perchè no!!??

É suggestivo riguardare in questi giorni la famosa pellicola del 1997 con Brad Pitt protagonista, soprattutto se si ha in mano un biglietto aereo con destinazione finale LEH, cuore del Ladakh. Non può che partire cosi questa nuova avventura verso questa remota regione indiana. Molte persone quando dico che vado in Ladakh fanno una faccia storta e tentennano cercando di geolocalizzare questa parola che in effetti non è una destinazione nota al turismo commerciale. Siamo dunque nell’estremo Nord dell’India nello stato JAMMU e KASHMIR tra Pakistan e Tibet (Cina). Questa regione è nascosta lungo la valle del fiume Indo, racchiusa tra le catene montuose del Karakorum e dell’Himalaya ed è proprio qui il fascino  di questa zona, soprattutto per gli amanti della montagna e della natura incontaminata.

Un posto dove apparentemente non c’è niente di particolare da vedere o da fare, ed anche per questo mi affascina un viaggio di questo tipo dato anche il legame che ho instaurato verso il continente indiano dopo un periodo di vita trascorso nell ‘Incredible India’! Questa zona allora non era rientrata nelle mete da esplorare ed è ora giunto il momento di tornare, e tornare in ottima compagnia. Sarà completamente un’altra India visto che questo “piccolo TIBET” è da sempre abitato da pastori nomadi che facevano dell’agricoltura la unica ragione di vita e di sopravvivenza percorrendo le alte vie montagnose dell’Himalaya. Qui prevale la religione buddhista di scuola tibetana e sarà dunque interessante cercare di entrare in contatto con la spiritualità e scoprendo la vita delle persone locali sparse qua e là in questo territorio di difficile accesso. Principalmete sarà un viaggio con base operativa LEH e da li ci sarà modo di affrontare varie escursioni a monasteri, laghi, remoti villaggi locali e ovviamente montagne. Poi per non far mancare davvero nulla a questa avventura, un bel trekking di cinque/sei giorni sarà una bella sfida da affrontare soprattutto per l’altitudine visto che si oltrepasserà quota 5000m!

Ultimamente sto riscoprendo il piacere della montagna e della bellezza della natura; la fatica e poi la soddisfazione che ripagano tutti gli sforzi che corpo e testa affrontano per conquistare una cima, raggiungere una vallata nascosta con uno spettacolare lago da colori ammalianti, osservare da vicino una cascata e la potenza dell’acqua che ne scaturisce, incontrare qualche animale lungo il tragitto oppure semplicemente contemplare un bel panorama mai visto o visto da un punto di vista diverso ed in generale godere del sentiero percorso. Insomma un viaggio in Ladakh  vuole essere anche una ricerca della pura essenza di tutto questo e ormai non ci resta che partire. Lo zaino è ormai preparato, le gambe sono allenate, la testa sgombra dalla normale routine e gli occhi carichi a mille pronti a meravigliarsi ancora ed ancora…

Scalare non serve a conquistare le montagne; le montagne restano immobili,

siamo noi che dopo un’avventura non siamo più gli stessi
(Royal Robbins)

20180809_191229

IO CORRO in SU…poi vediamo!

Salire. Scalare la vetta. Raggiungere la cima…o banalmente e forse anche grammaticalmente in modo non corretto “correre in su”… Differenti modi per dire e per descrivere un istante, un lasso di tempo molto breve che significa spesso sensazione di libertà, raggiungimento di un obiettivo o di un traguardo, vincere una sfida, il sentirsi appagato e realizzato dopo tanta fatica, dolori, problemi e difficoltà in generale.  Sto cercando di descrivere e trasmettere ciò che si prova in quel preciso momento quando ci si trova su di un picco di una montagna o alla fine di un difficile e duro percorso affrontato e superato. È li che ti realizzi e ti godi questo momento, magari ammirando un bel panorama a 360° intorno a noi, osservando il mondo da un’altra prospettiva e guardando in giù sia con lo sguardo sia con la mente ripercorrendo con la testa tutta la strada fatta sino a questo momento. Che sia un bel trekking, una corsa in montagna, una gara di trail running, una sky marathon o altre mille discipline annesse e connesse credo che alla  fine quell’istante e quei momenti si possano assomigliare e capire allo stesso modo.

Io corro in su. Parto semplicemente da questo semplice presupposto che mi ha sempre accompagnato e che spesso utilizzo nella vita di tutti i giorni quando di fronte ad un bivio, ad una scelta, ad un cambiamento…ho sempre pensato che spesso bisogna prendere la strada che appare più difficile, quella che non vedi bene dove va a finire, quella che solitamente è in salita appunto e che ci obbliga ad andare in su sudando e faticando per arrivare alla fine! Superare le difficoltà di questa strada e raggiungere quel traguardo che magari all’inizio sembra impossibile, ma che piano piano, passo dopo passo, possiamo raggiungere lassù in cima. Grinta, determinazione, allenamento, impegno e dedizione sono fattori che credo aumentino la soddisfazione finale che si percepisce in quegli attimi e in quelle sensazioni che ripagano tutta la fatica che ci ha portato al raggiungimento di questo risultato.

Per fare alcuni esempi recenti a livello personale penso alla mitica e sfidante Proai Golem sopra il Lago d’Iseo, al panoramico e suggestivo BVG Trail sul Lago di Garda, alla leggendaria ed infinita 100km del Passatore, alla scalata notturna più sunrise dalla cima dei 3700m del Vulcano Rinjani in Indonesia dopo tre giorni di trekking, scorgere all’alba dopo una bella scarpinata la Meraviglia del Macchu Picchu in Perù, toccare quota 5200 sul Cerro Colorado sempre in Perù oppure all’avvincente climbing dei Pinnacles in Malesia con un percorso di “soli” 2,4km con 1200m di dislivello positivo. Poi penso a quest’ultima sfida vinta sulle Dolomiti: una SkyMarathon di 42km con 3000m di dislivello nel simbolo delle Dolomiti…le mitiche Tre Cime di Lavaredo!

Già quest’ultima sfida (accantonata per un anno a causa di un infortunio) ha riacceso in me la voglia di trasmettere e condividere nero su bianco quello che si sente dentro nel raggiungere questo traguardo. A volte deve passare qualche giorno per assimilare l’adrenalina e per renderti conto che a livello personale hai fatto un’impresa piccola o grande che sia; spesso molta gente ti crede pazzo solo al pensiero, ma questo a volte fa parte del gioco e personalmente mi trasmette anche una carica maggiore per affrontare una nuova sfida. Quindi eccoci qui a raccontare da “Finisher” questa esperienza dolomitica! Un’esperienza con la E maiuscola perché oltre alla distanza ed al dislivello (considerando anche l’altitudine media del percorso sopra i 2000m) questa volta si è messo di mezzo anche il maltempo che senza tregua dalla notte precedente della gara ha oscurato la vallata e le montagne e ci ha accompagnati gelosamente per tutta la giornata regalando un tracciato bagnato, fangoso, scivoloso e soprattutto “freddoloso”.

Dopo 7h e 30m taglio il traguardo soddisfatto, felice e libero appunto. Voglio però rivivere il mio racconto partendo dal 23°km diciamo dall’intermedio di metà gara al rif.Auronzo a 2400m, dopo circa 4h dalla partenza: fa freddo, sono bagnato dalla testa ai piedi ed ho le mani quasi congelate. Non sento bene la sensibilità alle dita e faccio fatica ad afferrare i pezzettini di cibo al ristoro, tengo tra le mani il thè bollente ma quasi  non sento neanche il calore…la gentile signora del ristoro prende una coperta ed inizia  a sfregarmi le mani che piano piano riprendono un minimo il loro funzionamento. Mangio e bevo qualcosa di caldo ed entro nel bivacco per cambiarmi gli indumenti fradici addosso (il k-way ha funzionato il giusto, ma la pioggia incessante mi ha fatto bagnare anche gli strati sotto sino alla termica a contatto con la pelle…ho difficoltà notevoli nei gesti abituali come togliermi i guantini (troppo leggeri in questa occasione), i vestiti e slacciarmi lo zainetto. Un altro runner infreddolito mi aiuta e pian piano la temperatura corporea aumenta. Mi rivesto con indumenti a nuovo belli asciutti perché saggiamente ben imbustati nella  plastica ed infilo quelli fradici negli stessi sacchetti prima di infilarli nuovamente nello zainetto. Mi sento meglio e quindi via si va. Esco dal bivacco fuori al freddo e di colpo mi trema tutto di nuovo in maniera inaspettata…un forte tremolio alle gambe…decido di bere nuovamente un bel bicchiere di brodo caldo e mangiare ancora qualcosina…nel frattempo vedo qualche compagno di avventura che si ritira ( è l’ultimo punto assistito dall’organizzazione per poter rientrare con i loro mezzi e ritirarsi dalla gara )…mancano altri 19km circa che su queste montagne e con questo tempaccio significa ancora circa 3-4h di gara…Fabio, il mio compagno di avventura è già ripartito da un bel pezzo ed il pensiero del ritiro mi sfiora…ma con una gamba prima e poi l’altra si riparte di passo leggero e poi si riprende a corricchiare appena il sentiero spiana…le gambe riprendono a girare ed i vestiti per il momento asciutti  sono una bella manna dal cielo…dai si va!…il rif.Locatelli non è lontano e le sagome delle Tre Cime che solo si intravedono alla base scrutando nelle nubi danno forza per riprendere quello che si era iniziato…passo dopo passo, con piccoli traguardi nella testa da raggiungere prima di arrivare a quel momento, quell’ultimo rettilineo bagnato a bordo del lago di Misurina che sembra una bella passerella finale…è fatta ormai…ancora pochi metri….li c’è qualcuno che mi aspetta e le ultime forze per uno sprint arrivano…poi il traguardo…FINISHER!!! Medaglia al collo…foto di rito…e soddisfazione, libertà, orgoglio, ed in generale una sensazione impagabile nell’essere li ed avercela fatta con le proprie forze, superando le difficoltà e le avversità!

Non mollare mai anche quando la strada si fa davvero dura…crederci fino in fondo per raggiungere questa sensazione bellissima per avercela fatta con le proprie gambe e la propria testa soprattutto….quindi che ce ne siano altre di queste belle pazzie, quindi continuiamo a “correre in su” nello sport e nella vita….poi vediamo!

IMG_1407

PECHINO-MALESIA-BORNEO…the new Adventure!!!

Nuovo viaggio, nuova avventura, nuove destinazioni tutte da vivere e da scoprire con nuova compagnia per il viaggio. E come sempre vale il motto:

“Leggo, Viaggio, Scrivo, Cresco”.

A pochi giorni da una nuova partenza sale la voglia, sale la motivazione e gli ultimi preparativi sono una corsa contro il tempo perchè non si vede l’ora di partire e realizzare tutto quello sino ad ora solo sognato nella propria testa e pianificato su “carta e penna”. Alla fine sono sempre più convinto che bisogna essere motivati per viaggiare e per immagazzinare davvero tutto il significato e la ricchezza che deriva da un viaggio. In fondo proprio la vita in sè è un gran bel viaggio e la motivazione è la molla che spinge a migliorarsi e continuare seguendo la propria strada.

Il fascino dell’Oriente torna a farsi vivo e la destinazione prescelta per questo nuovo giro fai-da-te è un bel ritorno nel Sud Est Asiatico che spezza gli ultimi due trip a Occidente nelle Americhe. Unire poi un pezzetto di Cina e della sua capitale ad uno stato come la Malesia nello stesso viaggio è sicuramente interessante ed ha dato un pizzico di incertezza e di avventura già nella fase di pianificazione visto che si sono dovuti limare già tanti dettagli e si sono dovuti incastrare perfettamente tanti mattoncini per far si che tutto fili liscio rispettando il budget predisposto ed i tempi già in partenza come sempre troppo ristretti.

E cosi sia…volo Milano-Pechino con Air China, scalo lungo ( quello che di solito si scarta durante una prenotazione di un aereo, ma che questa volta è stato scelto volutamente ) per dare opportunità di vedere la capitale asiatica per eccellenza e per dar tempo e modo di una veloce visita in città per respirare la cultura cinese. Poi sicuramente con il fiato tirato, di nuovo in aeroporto per raggiungere la capitale malese Kuala Lumpur. Tempo di riposare qualche ora e con qualche volo interno siamo nei territori del Borneo per un po’ di pura natura selvaggia e vera avventura tra parchi, escursioni e scoprire la cultura degli antichi villaggi locali. Un salto poi nel Nord della Malesia peninsulare per un po’ di relax sulla costa ed esplorare qualche isola sperduta per poi pian piano riavvicinarsi via terra all’interno del territorio malese verso Kuala Lumpur per vedere con i propri occhi le famose icone della città: le Petronas Towers. Non resta che rientrare ora giusto? Quasi…manca ancora un’ultima “sfacchinata” e qualche levataccia per fare un ulteriore scalo, ancora più lungo, nuovamente a Pechino; questa volta con più tempo a disposizione l’idea è di riuscire a calpestare e “scalare” un pezzo di una delle 7 meraviglie del mondo…The Great Wall!

This is the plan, now it’s time to go….the backpack is ready…let’s travel!!!

IMG_1027

COSTA RICA…Pura Vida!!

COSTA RICA….Pura Vida!!

Si parte da queste due parole per descrivere questo paese, e come non fare altrimenti! PURA VIDA non è solo una frase che tutti ripetono per qualsiasi cosa e che si utilizza in tantissime circostanze…un saluto di benvenuto, un arrivederci, un grazie, un brindisi, un in bocca al lupo o semplicemente appunto un Pura Vida…senza traduzione! Lo trovi scritto e lo senti ovunque ed è infatti più uno stato d’essere e uno stile di vita dei costaricensi ( non costaricani!) ed infatti è assai contagioso per tutte le persone in viaggio ed in visita in Costa Rica! La vita qui se la godono e qualcuno lo classifica come un paese tra i più felici del mondo ( bisognerebbe poi vedere bene i parametri e gli aspetti che caratterizzano questi indicatori per poi confrontarli con altri paesi). Comunque dopo averlo visitato posso confermare la simpatia dei “ticos” (come vengono chiamati qua gli abitanti del paese) e la leggerezza nell’affrontare la vita con il sorriso appunto nel “mood” Pura Vida!

A livello personale ci sono poi aspetti di questo paese che un po’ mi hanno deluso, o meglio hanno disatteso alcune mie aspettative, seppur mantenendo un giudizio complessivo di viaggio molto positivo! Prima di tutto lo definirei uno stato troppo “americanizzato”…una casa per vacanze degli americani che l’hanno trasformata in una piccola California come qualcuno la definisce portando sia il bene e sia tutto il male purtroppo che un paese come gli USA si trascina con sè, come la eccessiva globalizzazione che produce effetti negativi a cascata….generale rialzo dei prezzi, gestione turistica di siti locali, cultura “yankee” e modernismo sfrenato ecc ecc.

A parte questa posizione di parte, il Costa Rica è pura avventura, molto jungle con la sua natura selvaggia a fare da padrona. Un meteo sempre variabile e bizzarro con dei contesti climatici molto diversi nonostante il paese sia piccolo ed è facile passare alla costa dell’Oceano Atlantico a quella dell’Oceano Pacifico attraversando nel mezzo gli altipiani e le montagne impreziositi dalla foresta pluviale e foresta nebulare!

Un viaggio divertente, un vero viaggio on the road di due settimane goduto a pieno attraversando il paese in lungo e in largo per circa 2500km a bordo di una brutta, ma affidabile Suzuki Swift che non ci ha mai deluso affrontando mille avversità e portandoci sempre a destino sino alla meta finale! La compagnia e le persone conosciute lungo il tragitto sono sempre parte fondamentale del viaggio ed infatti che risate e che avventure con i compagni di viaggio fidati Rocco e Igor ai quali si è aggiunta la new entry Ricky che si è mostrato all’altezza e si è inserito benissimo nel rodato trio di viaggio ‘Banana Pancake’!

Nelle prossime pagine sfoglieremo questo viaggio nei dettagli seguendo l’itinerario di due settimane da noi stilato e seguito bene sino alla fine nonostante le tantissime variazioni all’interno che abbiamo dovuto affrontare per ottimizzare al meglio il tempo e le tappe prescelte in base al meteo impazzito di questo paese. La bellezza del viaggio fai-da-te e l’avventura fa proprio parte del gioco e quindi anche se al momento molte cose non si riescono a godere al 100%, poi con il passare del tempo alcune situazioni e contesti diventano ottimi ricordi e situazioni epiche che riempiono e danno valore al viaggio.

Tra l’altro questo viaggio visto le premesse non era neanche programmato o per dirlo alla buona ‘non s’ha da fare’ per svariati motivi, ma che per strani destini ci ha riunito e che davvero last-minute ci ha fatto vivere questa bellissima avventura che parte dalla centrale capitale di San Jose, si muove verso la costa Atlantica con il Tortuguero per poi accentrarsi nella piovosa e montuosa zona centrale dell’Arenal, si spinge poi verso la costa Pacifica per godere e scoprire delle spiagge della penisola di Nicoya ed infine ridiscende a sud lungo la costa per addentrarci nella remota jungla del parco nazionale del Corcovado prima di rientrare all’interno verso la capitale. Buon viaggio e sempre PURA VIDA!

IMG_9006

Muchas gracias Perù y Bolivia!

 Perù y Bolivia, Bolivia y Perù! Un viaggio tanto atteso e sognato. Ora sono qui a raccontarlo con il sorriso e le emozioni ancora vive e forti dentro di me. Sono felice perché è stato un grandissimo viaggio nel vero senso della parola e quindi nessuna faccia triste perché è finito, anzi le parole e le foto aiutano a non smettere mai di viaggiare e poi quando si riesce a fare tutto e di più vivendolo al 100% il viaggio perfetto diventa circolare: la gioia della partenza, la gioia del ritorno.

Nessun volo interno e tanti km macinati in queste terre aride, osservando ed esplorando le Ande ad un’altitudine media di 3000-4000m. Due destinazioni diverse tra loro ma al tempo stesso emozionanti ed avvincenti. Dalle coste del ricco e turistico Perù agli altipiani andini della povera e selvaggia Bolivia. Meglio uno o l’altro? Faccio fatica a rispondere ed in realtà non vorrei neanche rispondere, perché mi risulta sempre difficile paragonare viaggi di paesi diversi. E’ una domanda che i locali spesso ti fanno creando una simpatica e amichevole rivalità tra i due stati confinanti spesso uniti negli itinerari turistici dal maestoso lago Titicaca!

IMG_7921ZCZXCZXIMG_8365a

I luoghi impressi nella testa sono tanti e le persone e le avventure trascorse ancora di più. Come si fa a non partire dal Perù dalla meraviglia del Macchu Picchu ( che non ha deluso le tante aspettative!), passando poi dal cibo del Perù ( orgoglio nazionale), poi le risate e l’adrenalina durante dune-buggy e sandboarding nel deserto ad Huacachina, la grigia e cupa Lima, le otarie e i milioni di uccelli delle isole Ballestas e indelebile nella mia testa la fatica e la determinazione per raggiungere il Cerro Colorado ed osservare dalla cima dei 5200m le Rainbow Mountains sotto una bufera di neve! Questo è un piccolo riassunto del Perù. Poi attraversando poi il lago navigabile più alto al mondo eccoci in Bolivia a scoprire le acque blu e sfumate del lago Titicaca, la hermosa e magica Isla del Sol dove cielo, acqua, Sole e Luna si incontrano dello stesso campo visivo in un turbinio di colori tra lama ed alpaca liberi al pascolo. L’arrivo e lo stupore per le costruzioni delle case di La Paz e la visione notturna di questo “presepio” a 360°. Poi la natura selvaggia degli altipiani andini iniziando dal lunare e mistico Salar de Uyuni, luogo unico al mondo dal bianco accecante e dai colori pazzeschi durante sunrise e sunset, o meglio amanecer y aterdercer. Su e giù sballonzolati poi lungo le distese sconfinate e sabbiose dei deserti vulcanici  con queste immense lagune ricche di sale e minerali che generano le più svariate sfumature e contrasti di colori a cui si uniscono gli eleganti fenicotteri rosa e gli onnipresenti lama ed alpaca….e poi dulcis in fundo come ciliegina sulla torta per il giorno finale: la discesa avvincente affrontando la voluta e temuta Carrettera De La Muerte…(come recita la maglietta da finisher: “I survived to the world most Dangerous road!”).

24IMG-20160825-WA0001

IMG_7760AAB

Molto bello a livello personale rimane il tanto spagnolo parlato e scritto ed infatti essere questa volta un “Mochillero” anziché un Backpacker, ovviamente con lo stesso significato che contraddistingue questi viaggi zaino in spalla all’avventura. La sinergia con Rocco e Igor, ottimi compagni di viaggio del trio “Banana Pancake” fondato l’anno precedente in Indonesia, poi tutti i viaggiatori conosciuti lungo la strada ( dai francesi de l’ Uyuni: Martin, Pablo e Delphine proseguendo con Darren e Jasmine, il mitico Patricio, il tio chileno del Macchu Picchu e Lao, detto il Chino, poi Fabi la Flor che ci ha ospitato all’arrivo a Lima e i personaggi locali peruviani e boliviani che hanno contribuito a costruire queste emozioni e ricordi di viaggio: dai peruani Rosario, Freddy, Edwin, Bernardo finendo con i bolivares Marcelo, CLeto, Luiz, dona Florencia, Damian e tutti gli altri incontrati lungo il cammino!

IMG_8108AAIMG_8361acaacaa

Insomma un gran bel viaggio, intenso e duro fisicamente per l’altitudine, il clima sbarazzino con giornate calde e gelide nottate, le grandi camminate e i problemi di stomaco e caviglia! Poi i lunghi transfer notturni via terrestre (5 notti sul bus mediamente per 10-18ore) per un’avventura tutta on the road che non ha davvero deluso le tante aspettative iniziali di viaggio e anzi mi ha meravigliato e fatto riscoprire ancora una volta il piacere di viaggiare, vivere e conoscere! …explore, dream, discover…siempre!

“Vive haciendo lo que amas, Ama aquello de lo que vives”

PERU’ y BOLIVIA Project!

Perù y Bolivia project

Ci siamo. Si riparte per un nuovo viaggio e come sempre il mix di emozioni è vario e molto intenso. Le senti tutte nello stomaco e tradurle in parole è compito difficile.

Un nuovo viaggio mi riaccende e mi fa sentire vivo. Serve poi anche per staccare, staccare da tutto. Lontano dagli occhi che giornalmente osservano la tua quotidianità, ma anche dagli affetti, dalla famiglia, dagli amici, dai compagni e colleghi che la riempiono. Lontano dai luoghi che i nostri occhi guardano ogni giorno, dalle strade che le nostre suole ogni giorno calpestano.
Una fuga dal mostro della normalità, della routine, quello che uccide la nostra creatività e la nostra spontaneità nei rapporti umani.

La destinazione quest’estate è il Sud America, e FINALMENTE oserei dire! Da tanti anni nel mirino e poi per svariate ragioni (fra tutte quella economica) avevo sempre indirizzato la bussola verso la mia amata Asia che questa volta abbandono, solo per il momento, per spingermi verso Ovest e varcare l’Oceano Atlantico fino ad ora mai scoperto dai miei occhi. Si parte dal Perù e si termina in Bolivia sempre con lo stesso spirito di viaggio che adoro e quindi zaino in spalla e via all’avventura.

Il progetto di andare in Sud America mi permette di avvicinarmi e barrare qualche “linea” della mia lista delle 100 cose da fare come per esempio ( ‘visitare le 7 Meraviglie del mondo moderno’ oppure il ‘mettere piede su ogni continente’ o ‘fare un trekking sino al Macchu Picchu’). Magari sembrerà una sciocchezza e sicuramente ci sono cose ovvie e banali, ma scrivere dei desideri e degli obiettivi su un muro, su un pezzo di carta o ovunque sia visibile credo aiuti a rimanere concentrati e consente di continuare a sognare e quindi realizzare i propri desideri.

I compagni di viaggio questo giro saranno nuovamente Igor e Rocco, conosciuti casualmente la scorsa estate in Indonesia e con i quali ho condiviso parte del viaggio dell’anno scorso sino a trovare ottima sintonia formando il gruppo “Banana Pancake” che quest’anno si ritroverà ed è pronto a scoprire ed esplorare il Sud America. Siamo pronti e carichi, un bel volo Milano-Madrid-Miami-Lima ci aspetta, poi da li si parlerà spagnolo per incontrare e conoscere persone del posto e per far parte della cultura peruviana e boliviana…insomma tutto è pronto…Vamos!!!!20160804_190511

Mollare tutto non significa rinunciare, ma andare avanti; cambiare direzione non perché qualcosa non va d’accordo con voi, bensì perché voi non andate d’accordo con qualcosa…Mollare qualcosa, che sia un lavoro o un’abitudine, significa svoltare e accertarsi di essere ancora in cammino verso i propri sogni”

Il mio PASSATORE 100km….CE L’HO FATTA!!!

Faenza, ore 04.20. Vedo quel maledetto arco gonfiabile rosso nella piazza del popolo, E’ ancora notte e dopo 13h20m sto arrivando a Faenza (al traguardo sarò 758° su 2800 iscritti di cui 2000 arrivati al traguardo, 22° di categoria). Gli ultimi 5km sono sanciti dai cartelli 96,97,98,99 ed è in questo momento che realizzo definitivamente che ce l’ho fatta, sto completando il mio primo Passatore, i miei primi 100km! Già…che roba, che emozione, che esperienza e che sofferenza soprattutto! Il pensiero immediato è “basta”, “non lo farò mai più” , penso solo che sto terminando tanta sofferenza e tanta fatica. Ora dopo qualche giorno realizzo che ho compiuto un’impresa a livello personale davvero notevole e raggiunto un obiettivo impensabile fino a poco tempo fa superando questa sfida con me stesso. La medaglia, il diploma, le tre bottiglie di vino e la gloria me le sono meritate, il mio primo Passatore l’ho portato a casa.

Non è una passeggiata, non è una corsa normale, non è paragonabile neanche ad una maratona. Questa gara è un viaggio, un’esperienza difficile da raccontare per chi ne è fuori e non ha mai partecipato. E’ un susseguirsi di emozioni differenti e una questione oltre che fisica, soprattutto mentale e psicologica, questione di testa e cuore.

13265966_10153844599819811_9017724833272544374_n

Breve cronaca di gara.

Ore 15 si parte da piazza della Signoria a Firenze e la colonnina del termometro segna 33°, inizia la sfida! Dopo la foto di rito con gli altri tre compagni di avventura (Mattia, Maurizio e Roberto) si parte. I primi km sono accompagnati da tanto pubblico e appena si esce dall’affascinante centro storico la strada inizia a salire verso Fiesole e lungo il percorso si inizia a cercare fontanine e ci si innaffia con le canne dell’acqua di qualche abitazione. Fa caldo, molto caldo. I ristori ogni 5km sono visti come piccole ancore di salvezza e pause rinfrescanti oltre che rifocillanti. Bevo tanto e mangio subito sempre qualcosa. Corro in autonomia senza supporti fianco fianco con Mattia, il mio fido compagno di corsa ed esordiente come me, proseguiamo cercando di gestire questi “primi” km rallentando anche quando si potrebbe spingere un po’ di più…”è ancora lunga ci ripetiamo a vicenda”, a volte si fa il calcolo di quanti km mancano, ma è solo che deprimente all’inizio ( siamo circa al 20° e ce ne mancano 80!). Arriviamo a Borgo S.Lorenzo (32°km) ed un bagno di folla ti carica all’entrata del paese. Ci sorpassa Adamo Romele, “ragazzino” di Darfo della Val Camonica che all’alba dei suoi 70anni sta correndo il suo 5°Passatore con il supporto del figlio in bicicletta fianco a fianco e della moglie che lo segue in macchina…che rispetto. Dopo la bella salita tra i colli verso Fiesole, ora inizia la temuta salita sino al 48°km in cima al Passo Colla – 913m ( nota per l’organizzazione: troppe macchine sulla strada!). Percorriamo questi 15km di salita in modo cauto alternando la camminata alla corsa, soprattutto sui ripidi tornanti del passo. Il sole è ormai tramontato e arriviamo in cima al 50°km prima delle 21 ( stiamo andando molto bene a livello cronometrico, ma non è quello che ci interessa, l’obiettivo è arrivare al traguardo finale e stop). Qui al pit-stop per cambio indumenti troviamo Maurizio che ci comunica il suo ritiro per una contrattura ( peccato, lui ha tranquillamente nelle gambe tempi da top50). Banchetto per bene al ristoro e ora con maglia termica e zainetto si prosegue a capofitto nei primi km di discesa notturna con lampada frontale. Meglio sempre essere conservativi e non esagerare anche quando la strada spiana, le gambe poi non perdonano. Al 60° la strada diventa di nuovo pianeggiante e qui inizio ad avere le mie prime difficoltà: mi sento lo stomaco un po’ chiuso e non riesco a bere/mangiare come vorrei. Ci riprende e sorpassa l’esperto Roberto che prosegue di buon passo verso Marradi. Siamo ora tra il 65° e il 70° e qui ho il mio momento peggiore…non riesco bene a digerire ed inizio ad avere un po’ di svarioni alla testa con sensazioni di vomito e nausea. Cosi cammino frequentemente per alcuni tratti e il pensiero di non farcela si fa insistente. Resisto sino al 75°km e li mi dopo essermi anche “scaricato” fisicamente a bordo strada entro nel centro medico. Sembra Pearl Harbour dopo l’attacco dei giapponesi: tanti lettini di emergenza allestiti e persone distese semi-coperte oppure con flebo. Non troppo rassicurante il momento. Mi provano la pressione ed è tutto sommato ok, poi mi distendo 5minuti sulla brandina sorseggiando acqua. Mattia mi sta ancora attendendo e poco dopo gli faccio un cenno di essere OK e che voglio proseguire. Ripartiamo in modo tranquillo senza forzare e dopo poco riesco a digerire quanto appena mangiato e mi sembra di sentirmi meglio…proseguo e riprendo un po’ le forze, la concentrazione e la determinazione…daje! Ci incitiamo a vicenda e mancano adesso “solo” 20km. Il problema di stomaco sembra essere superato, ma le gambe ed i piedi ora proprio sono al limite e ci tariamo ormai sempre al piccolo traguardo successivo sancito dai ristori che sembrano lontani anni luce in quei momenti ( eh si che 5km di solito sono la corsetta base che scorre via via liscia senza accorgersene). Incrociamo ancora il mitico Adamo e ci sorpassiamo a vicenda ( alla fine lui chiuderà sotto le 13ore!!!). Ecco un altro ristoro. Si mangia, si beve e si cammina i metri subito successivi. Si corricchia con il gonfiore dei piedi che vorrebbero uscire dalle scarpe e cosi arriviamo ad una svolta psicologica fondamentale…il km 90. Cazz ora si che possiamo fare il ragionamento al contrario: mancano 10km, daje! Pausa, ci sediamo un attimo, mangiamo, beviamo, pomata ai piedi e via pian piano verso la meta finale, anzi verso il prossimo ristoro che è sempre più lontano ma finalmente arriva….e ora siamo a -5. Il resto sono solo emozioni descritte all’inizio del racconto. Non resta che sfogarci e urlare CENTO…CENTO…CENTO!!! Ce l’ho fatta, ce l’abbiamo fatta…il Passatore è conquistato!

 AY10575Arr0108313327617_10153842544784811_4290415084879464498_n

CENTO….CENTO….CENTO!!!!

Cosi il pubblico aizzava il programma OK IL PREZZO è GIUSTO di Iva Zanicchi quando la ruota della fortuna girava…e cosi mi ritrovo ad aizzare me stesso per questa nuova sfida sportiva che mi sono posto e che sto per affrontare per raggiungere questo obiettivo. Già, sto parlando di correre 100km o meglio partecipare e arrivare al traguardo della mitica gara di corsa del Passatore, la 100 del Passatore appunto!

O le cose si fanno bene o non si fanno e quindi perché non scegliere la cifra tonda per eccellenza partecipando alla la corsa del Passatore; la più famosa e la più conosciuta in Italia e per i più esperti la più bella del mondo per questo genere di distanza e tipo di gara. E’ una grande sfida con me stesso innanzitutto, nessuno mi ha costretto, anzi mi sono iscritto di mia spontanea volontà (per lo più in un momento di lucidità, in modo razionale e quindi ora no excuses!). Il primo passo è stato iscriversi, ora non rimangono che farne altri, anzi saranno tanti altri passi per correre e terminare la gara in modo da raggiungere questo sfidante obiettivo.

Perchè lo fai? Sei matto? 100? Tu sei fuori… finora ho raccolto questi feedback quando ho rivelato di volere affrontare questa sfida e direi che non posso che dar ragione alla gente e sembrare un pazzo. Per lo più si corre dal pomeriggio fino alla notte o meglio la mattina della domenica e per lo più oltre alla lunga distanza bisogna pure attraversare l’appennino con due belle salitone sino a toccare quota 913m! Poi se penso che altri 2500 pazzi lo faranno e che quindi anche a loro la maggior parte della gente avrà espresso le stesse domande forse forse posso ribaltare la frittata e rispondere con un “perchè non farlo?” “perchè non provarci?” “e se i veri matti siete voi?” Mah forse la risposta perfetta e la domanda giusta non c’è e non esiste, esiste solo questa gara e questo grande significato che scuote qualcosa di profondo e arricchisce le persone che partecipano a questo evento. Come per la mia prima Maratona l’importante è divertirsi in questa esperienza e questo viaggio da Firenze a Faenza e raggiungere il traguardo senza prefissarsi obiettivi cronometrici o di ritmo. Qui non importa, sarà quel che sarà e come per la distanza regina della corsa più che le gambe servirà testa e cuore ( come dicevo alla vigilia della mia prima Maratona: quando-la-testa-corre-piu-forte-delle-gambe). Non bisogna mollare, bisogna arrivare al traguardo finale e centrare l’obiettivo….anche strisciando!

Diamo il giusto tributo e significato di questa corsa riportando un po’ di storia di questo evento:

«Corri corri, del Passatore, la cento chilometri, fatti onore», canta l’inno della corsa intitolata al famoso bandito romagnolo che dal 1973 si tiene l’ultimo sabato dimaggio. Cento chilometri con partenza il 28 maggio alle ore 15 da via dei Calzaiuoli a Firenze ed arrivo entro le 11 del giorno dopo in piazza del Popolo a Faenza, in provincia di Ravenna. Cento chilometri fra Toscana e Romagna,da percorrere di giorno e di notte, che saranno corsi da oltre 2.600 podisti fra atleti italiani e internazionali, amatori, diversamente abili. Pur ricordando nel nome Stefano Pelloni di Bagnacavallo, detto il Passatore dal mestiere di traghettatore sul Lamone che svolgeva il padre, la gara non vuole ricordare le gesta efferate del bandito, bensì il suo mito. Quella del Passatore è una figura celebrata dai cantastorie popolari, ma anche da Giovanni Pascoli (Romagna) o da Raoul e Secondo Casadei (Canzone del Passatore), al tempo stesso Robin Hood di una terra vocata alla lotta di classe e unico bandito dell’Ottocento a sezionare le proprie vittime. Il motivo per cui la corsa fra Firenze e Faenza ne porta il nome è presto detto: fra gli ideatori c’era lo storico faentino Alteo Dolcini, cofondatore del Consorzio Vini di Romagna che tutela i vitigni tipici e usa come effige il volto del bandito. La gara è così la prima competizione podistica di Faenza e una maniera originale per promuovere la terra del sangiovese unendola a quella del chianti. Tra Firenze e Faenza,il tracciato tocca alcuni punti dove anche chi corre potrebbe essere tentato di fermarsi. Al passo Colla di Casaglia l’altitudine è massima: 913 metri sul livello del mare ed uno scenario tipico del bosco appenninico, molto suggestivo dal punto di vista naturalistico. Proseguendo si arriva nella Marradi di Dino Campana, borgo dominato dagli antichi ruderi della rocca di Castiglionchio e dai castagni, e noto proprio per i frutti autunnali. A 17 km dall’arrivo si trova Brisighella, cittadina romagnola medievale caratterizzata da tre picchi rocciosi su cui si ergono la rocca manfrediana, il santuario del Monticino e la torre dell’orologio. Ultima tappa è Faenza, città di origine etrusco-romana nota nel mondo per le ceramiche.

Insomma non ci resta che correre, si parte nel pomeriggio e sicuramente poi si correrà dal tramonto all’alba sull’appennino inseguendo il sogno di diventare un mitico ‘Passatore’….quando la testa corre più forte delle gambe…

“You can do it. No matter what it is, set your mind to it and do it.”

link –> Altimetria-100Km-del-Passatore-alta-definizione

Passatore-Sognando-OK

TERIMA KASIH INDONESIA!

Non si può terminare un viaggio in Indonesia senza aver imparato il loro “grazie”, un ringraziamento sempre genuino, facile conclusione di ogni conversazione con le persone locali che si distinguono per la gentilezza e genuinità di questo popolo. Se poi dopo il “terima kasih” la frase di risposta equivalente al nostro “prego” è ‘Sama-Sama’ non possono che rimanerti in testa queste due semplice battute e ripeterlo agli indonesiani genera sempre ulteriori sorrisi e piacevoli chiacchierate. Oltre a ciò il ‘grazie’ o ‘thank you’ o appunto ‘terima kasih’  va al popolo indonesiano e alle persone di tutto il mondo incontrate e che contribuiscono a creare ed ad alimentare il viaggio (partire in solitaria e ritornare con tanti nuovi amici da ogni parte del mondo è sempre bellissimo e già di per se una grande esperienza); inoltre il grazie si rivolge a questo straordinario paese per i suoi luoghi, panorami fantastici e paesaggi mozzafiato. In particolar modo credo rimarranno indelebili dentro di me le uscite, escursioni e trekking sui vulcani. Come dimenticarsi delle levataccie all’alba per delle passeggiate a bordo cratere tra la sabbia lavica, il rumore e gorgoglio del vulcano Bromo, l’intenso odore di zolfo del vulcano Ijen ed il suo lago che appare dopo la notte stellata , la fatica mai provata per raggiungere il summit del vulcano Rinjani e gustarsi l’alba da 3700m con un mare di nuvole al di sotto a coprire l’Oceano Indiano. Per non parlare dei tramonti sull’ isola Gili Trawangan accompagnati dall’immancabile birra Bintang, passando poi per le uscite nelle zone rurali attraversando villaggi locali tra coltivazioni tropicali, risaie e terrazzamenti a perdita d’occhio, cascate immerse nel verde e ovviamente i templi sparsi ovunque specie su Bali, passando dagli imponenti Borodopur e Prambaran su Java ed in generale entrare in contatto con tutti gli aspetti della cultura di questo paese tanto diversa tra loro, ma altrettanto incredibilmente unita da una fortissima identità nazionale che tiene legate queste migliaia di isole completamente diverse le une dalle altre, centinaia di lingue e religioni diverse tutte riunite e accomunate da due colori: il rosso (sopra) e il bianco (sotto) che contraddistinguono la bandiera indonesiana che tutte, ma proprio tutte, le abitazioni espongono con orgoglio fuori da ogni casa, nei negozi lungo le strade o all’ingresso dei templi. Essendo passato da queste parti il 17 Agosto, mi sono imbattuto nel giorno di indipendenza dal dominio coloniale inglese (1945) e quindi a maggior ragione questo patriottismo e identità nazionale è uscita ancora di più con persone di tutte le età che sventolavano la propria bandiera e la mostravano con assoluta fede verso la propria nazione.

Ovviamente non è tutto oro quello che luccica e oltre ai citati lati positivi ci sono tanti aspetti negativi che non si possono ignorare in questo viaggio partendo direi dalla sporcizia incontrata specialmente in montagna durante i trekking che rovinano in parte questi straordinari paesaggi con mucchietti di rifiuti di ogni genere sparsi qua e là (una vera vergogna purtroppo). Poi il “traffic jam” delle città, per esempio Jakarta e Yogjakarta dove è davvero difficile attraversare la strada per via della densità di auto e soprattutto di moto e scooter che popolano le strade. Sicuramente anche i lunghi e intasati trasferimenti via terra e via mare sono pesanti da sopportare, spesso mal organizzati  e decisamente non proprio “confortable”, ma questo aspetto è da mettere in conto se si vuole viaggiare in lungo e in largo attraverso un paese e vedere realmente come scorre la vita locale!

Insomma un viaggio completo e per quel che mi riguarda davvero fantastico che si è snodato appunto da Jakarta, passando poi per Jogya, poi nell’est di Java sino ad arrivare sull’isola di Bali visitata bene da nord a sud e da ovest a est. Tappa sulle isole Gili ed infine Lombok per affrontare l’epico trekking sul vulcano Rinjani. Un itinerario intenso di 3 settimane che condividerò nelle prossime pagine più nel dettaglio. Il viaggio inizia…explore, dream, discover…INDONESIA!

11057352_10153223427714811_963879569740241440_o

20150817_054135Itinerary 2