Incredible India!

“Questa è l’India! Terra di sogni e di avventura, di ricchezze favolose e di favolosa povertà, di splendore e di stracci, di palazzi e di stamberghe, di fame e pestilenza, di geni, di giganti e di lampade di aladino, di tigri e di elefanti, di cobra e della giungla, paese di cento nazioni e di cento lingue, di mille religioni e di milioni di dei, culla della razza umana, patria della parola umana, madre della storia, nonna della leggenda, bisnonna delle tradizioni, il cui passato ha visto fumare le rovine di ogni altra nazione – il solo paese al mondo che sempre accoglierà il principe straniero e il contadino straniero, il colto e l’ignorante, saggezza e follia, ricchezza e povertà, legami e libertà, la terra che ogni uomo desidera vedere, e dopo averla vista un’unica volta, anche solo con un rapido sguardo, non cederebbe mai quella visione in cambio di ogni altra immagine che gli possa un giorno offrire una parte di questo nostro mondo”.

(Mark Twain)

Eh si…incredible India!…ci siamo…sono arrivato in questo Paese. Beh ci sarebbero già milioni cose da dire e da raccontare, ma non si possono realmente capire se non si è qua a vedere e a viverle coi propri occhi. Partiamo utilizzando un criterio cronologico.

Il volo: Linate-Francoforte-Delhi con Lufthansa(there’s no better way to fly)…beh nulla da eccepire e viaggio piacevolissimo con un assaggio di India dato che ho condiviso gran parte della tratta accanto ad una coppia indiana poco socievole a dir la verità. Però il volo internazionale trascorre bene tra pasti e stuzzichini offerti, cuffie in dotazione alle poltroncine e musica classica tedesca per assecondare la lettura, il riposo e un noiosissimo film di bollywood sottotitolato…prima di scendere dall’aereo però un piccolo ricordino ce lo portiamo con noi…copertina e cuscinetto…(scusa Lufthansa)

L’arrivo: dopo parecchi controlli troviamo subito il nostro “tutor” Abhimanyu Rai che ci saluta e ci dice di seguire delle persone e salire su un taxi. E’ notte, il fuso orario ci disorienta, una folata di calore e afa assurda e non ci si rende conto di niente…mi ritrovo catapultato sul taxi con dei tedeschi anche loro qui per studio e così si inizia a socializzare un po’ dando uno sguardo a questo nuovo mondo dall’interno di un finestrino. Cose pazzesche balzano ai nostri occhi, tantissima gente che dorme in strada sui marciapiedi,sui tetti degli autobus(definirli autobus è generoso),baraccopoli,cani randagi,autorisciò e tanto altro…

L’appartamento: l’entrata da fuori non è rassicurante e la casa non è invitante dall’esterno, ma entrati dalla porta abbiamo una piacevole sorpresa…casa grande,pulita,salotto accogliente,tutte le stanze climatizzate,tutto o quasi sembra funzionante, è spoglia e un po’ di vuota di arredamento ma non è un problema…ci sarà tempo…insomma meglio delle aspettative e gradevole impatto…è notte però e quindi riposo…domani ci alzerà e saremo in India…oh yes…Incredible India!

Incredible India!ultima modifica: 2009-08-23T10:11:00+02:00da raz85
Reposta per primo quest’articolo

Commenti (2)

  1. Chube

    Bella zio, riempi il frigo di birra mi raccomando!!!

  2. Raz85

    Ovvio…la birra è arrivata in appartamento prima dei piatti e delle pentole…e ovviamente la KINGFISHER

Lascia un commento